CORSO PER ASPIRANTE MEDIATORE MARITTIMO
 
   Le rubriche di Yachts.it - Burocrazia
 
Google
 
Home
info e privacy
Ricerche charter
 per area
 per porto
 per periodo
 individuali
 operatori
 skipper-armatori
 last-minute
 promozioni
Offerte usato
 le barche
 gli operatori
 le promozioni
Multiproprieta
 operatori
Scuole ed altro
 crociere a tema
 operatori
 notiziari
 tecnica
Gente di Mare
 ricerca personale
 di bordo

 offerte di lavoro
 formazione
Rubriche
 leggi e normative
 professione
 burocrazia
 tecnica
 scrivi a Yachts.it
Le Rotte
Racconti
Registrazione
Login utenti

Privacy Policy
Vedi Scheda
Equipaggio imposto su imbarcazione adibita a noleggio e locazione
... e problemi di traduzione dei documenti per l'immatricolazione.

Risponde Antonio Barabino

Indice  Indice
La domanda

12 ottobre 2005

Vi richiediamo chiarezza su un problema che si verifica sull’attuale immatricolazione della prima delle tre imbarcazioni appena acquistate (3 Beneteau Oceanis 423).

Sulla Licenza di navigazione la Capitaneria di Reggio Calabria intende imporre nella dicitura "equipaggio": 2 persone di cui una munita di regolare abilitazione.
Praticamente noi non potremo locare una delle nostre barche ad un cliente che intende navigare in solitario.
Ho portato l’esempio del cittadino italiano Giovanni Soldini al quale viene impedito di locare un’imbarcazione e starsene in pace da solo un paio di giorni. E’ legale tale limitazione?
Praticamente, per andare ad imbarcare un gruppo a Lipari, dalla nostra base di Tropea, dovremmo inviare oltre allo skipper anche un’altra persona.
Praticamente su una barchetta di poco più di 12 metri si vuol imporre un equipaggio di 2 persone.

E ciò in contrasto con le disposizioni degli articoli 35,36c1 del D.L.18 luglio 2005, n.171, che però, loro dicono, si riferisce alle "imbarcazioni da diporto", e non di quelle adibite a locazione e noleggio che rientrano non si capisce sotto quali normative “ancora da emanare”.
Loro fanno riferimento a loro disposizioni interne che stabiliscono la "tipologia d’armamento".

Sicuramente sarete in grado di darmi chiarimenti in proposito.
Cordiali saluti

Giuseppe Mavilla
SEVENSTAR CHARTER
info@7star.it


Risponde Antonio Barabino, AINUD

14 ottobre 2005

L'art. 2) del D.L. 171/05 prevede i casi di uso commerciale delle unità da diporto.
L'art. 3) definisce i concetti di unità da diporto, nave da diporto, imbarcazione da diporto, natante da diporto.
E' pertanto chiaro e inconfutabile, anzitutto ad una semplice interpretazione letterale della norma, che tutte le unità da diporto possono essere utilizzate "anche" a fini commerciali, per locazione e noleggio, e che non esiste, pertanto, una differenziazione tra unità da diporto e unità destinate a scopi commerciali.
Diretta conseguenza ne è che l'art.35) del medesimo D.L. si deve applicare a tutte le unità da diporto, di fatto delegando alla libera scelta e responsabilità del comandante di decidere il numero minimo delle persone dell'equipaggio in base alla navigazione da effettuare ed alle condizioni meteo-marine.
Tanto è chiaro in questo senso l'art.35), che ha già suscitato forte dose di polemiche e critiche rivolte alla considerazione che, per risparmiare, gli armatori, direttamente molto influenti sui loro comandanti, tenderanno a imbarcare meno personale, ostacolando inoltre l'avvio dei dei tirocinii a bordo previsti dal nuovo regolamento che prevede i titoli professionali per il noleggio.
Tutto quanto sopra stante l'attuale modello di certificato CE che prevede solo l'indicazione del numero massimo delle persone imbarcabili.
Aggiungo inoltre che non sono previste, a nostra conoscenza, alcune norme in merito che debbano ancora essere emanate.
Essendo il D.L. 171/2005 legge dello Stato, essa ha la prevalenza interpretativa e abrogativa su qualsivoglia regolamento interno di Capitaneria di Porto.

Cordiali saluti
AINUD
Il Presidente
Antonio Barabino


Risposta di Giuseppe Mavilla

28 dicembre 2005

Gent.mo Dott. Antonio Barabino,
A seguito della Sua qualificata esposizione sui motivi per cui le Capitanerie non potevano arrogarsi il diritto di stabilire la composizione degli equipaggi sulle imbarcazioni da diporto, siamo riusciti a far depennare dalla Capitaneria di Reggio Calabria quanto disposto "equipaggio composto da 2 persone di cui una abilitato", e sottoscrivere la formula "vedi art. 35 del D.L.n°171 del 18.07.05".
Nel ringraziarLa colgo l'occasione per inviarLe gli auguri per un felice 2006!

Giuseppe Mavilla
SEVENSTAR CHARTER
info@7star.it


I problemi continuano: traduzione dei documenti CEE

10 gennaio 2005

Caro Michele,
Grazie all'intervento del dott. Antonio Barabino che mi ha chiarito i termini della questione, sono riuscito a far apporre sulla licenza di navigazione la dicitura "vedi art. 35 del D.L.n°171 del 18.07.05" in luogo della dicitura "equipaggio composto da 2 persone di cui una abilitato".
Ma non è finita. Ora il solerte ufficiale dell'ufficio immatricolazioni della Capitaneria di Porto di Reggio Calabria mi richiede che i documenti di conformità CEE siano tradotti in italiano mentre in atto sono in francese ed inglese (si tratta di barche della Beneteau). E' legittima tale richiesta che "sembra facile", ma se non è in originale occorre un traduttore abilitato dal Tribunale, come loro impongono.
Attendo con molta impazienza un Vostro parere
Grazie

Giuseppe Mavilla
SEVENSTAR CHARTER
info@7star.it


Soluzione del problema

19 gennaio 2005

Caro Michele,
Dopo la brillante soluzione del problema generato dalla Capitaneria di Porto che ci voleva obbligare all'imbarco di almeno 2 persone d'equipaggio, e ciò in contrasto con l'art. 35 del nuovo codice segnalatomi dall'illustre dott. Barabino, ti avevo posto un nuovo problema inerente alla traduzione in italiano dei documenti CEE di conformità.

Ebbene, mi sono limitato ad allegare nel fascicolo l'immatricolazione della seconda barca il MANUALE DEL PROPRIETARIO che la Beneteau, bontà sua, ci fornisce in italiano.

In Capitaneria mi dicono che ora è tutto a posto, quindi
l'immatricolazione procede verso la conclusione. (Non hanno fatto più cenno ai documenti CEE di conformità scritti in francese ma di facile interpretazione).
In effetti ho guardato tra le norme, ed ho rilevato la necessità della traduzione in italiano (o con una delle 20 lingue ufficiali della Comunità, e comunque con la lingua dello Stato "ricevente") ove veniva evidenziata soprattutto la necessità della traduzione del Manuale del Proprietario.
Un cordiale saluto

Giuseppe Mavilla
SEVENSTAR CHARTER
info@7star.it

Adv on Yachts
Advertising su Yachts.it
La tua pubblicità fuori dai luoghi comuni




  Burocrazia

Ticket per ormeggiare in Sardegna!
Pagamenti tra i 1.000 e i 15.000 euro a barca per la stagione 2006

Interventi
Domande

Indice articoli Torna all'indice delle Rubriche
 
 
 
Yachts.it ©2000-2017 Comunicazione Tre Srl - P.IVA 10973441008
Corsia Agonale, 10 - 00186 ROMA
Le barche il mare i charter le crociere e i Marinai in Italia.
Portale dedicato alla nautica italiana. Charter nautico, noleggio e locazione imbarcazioni,
Acquisto e vendita imbarcazioni usate. Normative e legislazione nautica.
Marittimi ed equipaggi per il Diporto nautico e personale di bordo.
ricerca un Comandante, Marinaio, Skipper, Hostess, Steward, Cuoco

Diretto da Michele Costabile