CORSO PER ASPIRANTE MEDIATORE MARITTIMO
 
   Le rubriche di Yachts.it - Professione
 
Google
 
Home
info e privacy
Ricerche charter
 per area
 per porto
 per periodo
 individuali
 operatori
 skipper-armatori
 last-minute
 promozioni
Offerte usato
 le barche
 gli operatori
 le promozioni
Multiproprieta
 operatori
Scuole ed altro
 crociere a tema
 operatori
 notiziari
 tecnica
Gente di Mare
 ricerca personale
 di bordo

 offerte di lavoro
 formazione
Rubriche
 leggi e normative
 professione
 burocrazia
 tecnica
 scrivi a Yachts.it
Le Rotte
Racconti
Registrazione
Login utenti

Privacy Policy
Professione

Corsi IMO-STCW e regate d'altura
Il corso IMO-STCW è valido anche come certificazione ISAF per le regate d'altura di secondo livello?


Indice  Indice
La domanda

31 gennaio 2006

Buon giorno
Mi chiamo Luciano Gessa scrivo da Cagliari.
Vorrei sapere se il corso di sopravvivenza e salvataggio per il rilascio del certificato IMO-STCW è valido anche come certificazione ISAF per le regate d'altura di secondo livello.
Cordiali Saluti
Luciano Gessa


Risponde Michele Costabile

Gentile Sig. Gessa,
Ha fatto una bella domanda: la risposta è che... non lo so!
Ha provato a contattare la Federazione?
www.sailing.org
Proveremo ad informarci presso le Scuole che effettuano Corsi, che può trovare anche nella nostre pagine dedicate alla Formazione, ma di certo i corsi IMO sono IMO e pertanto hanno sicuramente valore ovunque ci siano regole che si riferiscono alle regole IMO-STCW.
Le faremo sapere presto,
grazie,
mic


Replica di Luciano Gessa e risposta della Federazione

2 febbraio 2006

Grazie per la tempestiva risposta.
Nasce però a questo punto un problema.
Essendo la Tecno Italia Safety la sola società riconosciuta per tale tipo di corsi questa può permettersi il lusso agendo non in concorrenza con altre società di chiedere cifre che per tre giorni di corso superano i 500,00 euro contro i 250,00 euro medi richiesti dai vari istituti abilitati dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti.

Mi suona strano inoltre che marittimi che vanno in mare per lavoro, abbiano meno possibilità di salvarsi dei regatanti, in quanto i corsi ai quali per legge vengono sottoposti sono meno formativi di quelli ISAF conformi.
Nelle altre nazioni come funziona?
(...)
La Federazione mi ha rimandato al signor Masseroti che alla mia domanda ha così risposto:
"Non entro in merito alle tariffe applicate. Per certo so che per gruppi di un certo numero di persone il costo si riduce sensibilmente. Credo che il Circolo di Riva di Traiano stia raccogliendo le adesioni per la formazioni di questi gruppi.
Non ho idea di quanto sia il prezzo dei corsi IMO per marittimi ma dato che hanno vari livelli, dal personale a terra a quello imbarcato ed anche a bordo con varie funzioni, presumo ci sia anche una differenza di tariffa. Quel che so è che la figlia di un mio amico, che ha scelto di fare la hostess a bordo di imbracazioni da diporto, ha fatto il corso a Salerno ed ha speso una barca di soldi! Mi parlava di un migliaio di Euro.

Comunque è facile fare il raffronto: la Tecno Italia Safety vive di corsi IMO e basta chiedere le tariffe per questi ultimi. I corsi ISAF rappresentano un mercato di pochissime unità.

Nelle altre Nazioni funziona come da noi. Prima che la FIV individuasse e segnalasse all'ISAF la Tecno Italia Safety, per fare il corso di sopravvivenza ISAF bisognava andare o in Francia costa Atlantica o in Germania mare del Nord o in Inghilterra, come hanno fatto fino a ieri i nostri (pochi) navigatori oceanici.

I corsi ISAF comunque hanno valenza SOLO in ambito sportivo, così come il Regolamento di Regata, pur con molti punti in comune con le NIPAM, non si applica alla navigazione da diporto o commerciale.
Cordialmente
Sergio Masserotti"

Saluti
Luciano


Risponde Michele Costabile

Gentile Sig. Gessa,
mi pare che Lei abbia trovato le risposte che cercava. Purtoppo è sempre la legge di mercato a comandare e questo lo riscopriamo ogni volta che proviamo a fare qualcosa...

Lei dice: "...mi suona strano inoltre che marittimi che vanno in mare per lavoro, abbiano meno possibilità di salvarsi dei regatanti". Io potrei anche convenire che ad essi è riservato un trattamento meno sostanziale e più formale, ma anche qui è la legge del mercato ad imporre le regole: i corsi IMO sono riconosciuti in tutto il mondo e probabilmente la loro codifica ha dovuto andare moltissimi compromessi prima di venire accettata universalmente.

Il mondo dello sport è più ricco e si avvantaggia dall'avere un minor numero di soggetti (tra cui i più famosi sono divenuti beniamini di un grande pubblico...) i suoi interpreti hanno quindi acquisito un più elevato "potere contrattuale" a confronto dei comuni mortali che in mare semplicemente lavorano...
Cordialmente,
mic

Adv on Yachts
Advertising su Yachts.it
La tua pubblicità fuori dai luoghi comuni




  Professione
  1. Linee guida per i marittimi del Diporto
    • Vademecum e consigli per i nuovi titoli a cura del Comandante Martucci (aprile 2006)
  2. Titolo di Conduttore: valido all'estero
    • Circolare del Ministero, 4 aprile 2006
  3. Un primo risultato per i marittimi
    • ammissione con riserva all'esame UD per chi non ha i corsi in regola
  4. Istanza AMADI e Yachts.it sulla Circolare 8.02.06
  5. Nuova circolare sui titoli professionali - 8.02.06
    • Nella nuova circolare ritornerebbe l'obbligo di avere almeno 9 mesi a libretto per poter superare il corso MAMS! Speriamo non sia vero.
  6. Circolare applicativa per i nuovi titoli - 4.11.05
    • Applicazione del DM 10 maggio 2005 n. 121
    • Libretto Allievi Ufficiali di Navigazione del diporto
    • Libretto Allievi Ufficiali di Macchina del diporto
    • Norme di compilazione certificati di abilitazione
  7. I nuovi titoli per la Nautica da Diporto
    • Decreto Legislativo 10 maggio 2005, n.121
Sondaggio AMADI-Yachts.it sui nuovi titoli
I nuovi titoli: aggiornamenti
I nuovi titoli: interventi, commenti, pareri
I nuovi titoli: domande
Domande

La patente Navi e il Comando di unità da Noleggio
    domande e risposte a cura del Comandante Nicotra
    il dibattito prosegue
    Interventi e osservazioni dei Comandanti


Indice articoli Torna all'indice delle Rubriche
 
 
 
Yachts.it ©2000-2017 Comunicazione Tre Srl - P.IVA 10973441008
Corsia Agonale, 10 - 00186 ROMA
Le barche il mare i charter le crociere e i Marinai in Italia.
Portale dedicato alla nautica italiana. Charter nautico, noleggio e locazione imbarcazioni,
Acquisto e vendita imbarcazioni usate. Normative e legislazione nautica.
Marittimi ed equipaggi per il Diporto nautico e personale di bordo.
ricerca un Comandante, Marinaio, Skipper, Hostess, Steward, Cuoco

Diretto da Michele Costabile