CORSO PER ASPIRANTE MEDIATORE MARITTIMO
 

   Le rubriche di Yachts.it - Professione

 
Google
 
Home
info e privacy
Ricerche charter
 per area
 per porto
 per periodo
 individuali
 operatori
 skipper-armatori
 last-minute
 promozioni
Offerte usato
 le barche
 gli operatori
 le promozioni
Multiproprieta
 operatori
Scuole ed altro
 crociere a tema
 operatori
 notiziari
 tecnica
Gente di Mare
 ricerca personale
 di bordo

 offerte di lavoro
 formazione
Rubriche
 leggi e normative
 professione
 burocrazia
 tecnica
 scrivi a Yachts.it
Le Rotte
Racconti
Registrazione
Login utenti

Privacy Policy
Professione

Linee guida per i marittimi del Diporto
vademecum, consigli e scadenzario a cura del Comandante Pietro Martucci (6 aprile 2006)


Indice  Indice
Linee guida per i marittimi del Diporto

Premessa

La riforma dei titoli professionali per la nautica è contenuta nel DM 10.5.2005 n. 121, Regolamento recante l'istituzione e la disciplina dei titoli professionali del diporto. (GU n. 154 del 5-7-2005).

I nuovi titoli consentono di poter imbarcare a bordo delle unità da diporto di qualsiasi bandiera in quanto rispondono ai principi della Convenzione internazionale IMO STCW 78 e successivi emendamenti sulla formazione professionale degli equipaggi a bordo delle unità che trasportano passeggeri paganti (noleggiatori).

Il titolo di Conduttore e la patente ND

La patente nautica non è stato mai un titolo idoneo per assumere il comando di unità da diporto nell'attività di noleggio. In passato, per comandare le imbarcazioni era stato creato il titolo di Conduttore per imbarcazioni adibite a noleggio mentre per comandare le navi da diporto era necessario il possesso di una qualifica professionale per il comando delle navi commerciali (il titolo minimo di Padrone Marittimo).

Le Autorità competenti (Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti) hanno deciso di istituire appositi titoli per la nautica che rispondessero ai requisiti sugli standard internazionali del lavoro a bordo. A ciò ha provveduto il citato decreto n. 121 del 2005. Il decreto stesso all'articolo 14 contiene una disposizione transitoria che attribuisce ai possessori del titolo di “Conduttore di imbarcazioni da diporto adibite a noleggio nelle acque marittime” la facoltà di acquisire il titolo di Ufficiale di Navigazione del Diporto senza effettuare il necessario periodo di addestramento a bordo delle unità navali. Uguale facoltà è riconosciuta ai possessori di patenti per il comando di navi da diporto (conseguita entro il 20 luglio 2005).

Entrambi possono avvalersi di questa agevolazione nel termine di 18 mesi dalla data di entrata in vigore del regolamento (scadenza 4 gennaio 2007) ma attualmente bisogna possedere un diploma di scuola secondaria di 2° grado (sono stati inviati dei quesiti in tal senso al Ministero).

Per coloro che non hanno i requisiti per ottenere i nuovi titoli, invece, la stessa norma transitoria prevede che i titoli di “Conduttore” rilasciati prima dell'entrata in vigore del regolamento, conservano la loro validità per la specie di abilitazione. Gli interessati potranno continuare ad imbarcare a bordo delle imbarcazioni da diporto impiegate nel charter, limitatamente però a quelle di bandiera italiana, anche al di fuori delle acque nazionali (come afferma una Circolare del Ministero in data 4 aprile 2006).

Infine, nulla è cambiato per quei proprietari (o locatari) di unità da diporto che intendono avvalersi del servizio di terzi per far condurre l'unità propria o presa in locazione. In tal caso non è necessario possedere il titolo professionale poiché l'unità può essere comandata con la patente nautica.

L'esame per conseguire i nuovi titoli

Requisiti di ammissione
I requisiti per l'ammissione agli esami sono quelli previsti dagli articoli sopra citati per il conseguimento dei rispettivi titoli (ai sensi dell'art. 298 Reg. CN, la navigazione richiesta deve essere effettuata in acque marittime).

Corsi

In aggiunta, per i titoli professionali marittimi è richiesta la frequenza, con esito favorevole, dei corsi ANTINCENDIO BASE e AVANZATO (di cui alla regola II/2, II/4, III/3 e III/4 della Convenzione IMO-STCW 1978/95) nonché per i titoli di Coperta del CORSO RADAR, presso centri legalmente riconosciuti.

Domanda di ammissione
La domanda di ammissione va redatta su carta bollata da € 14,62 e corredata da una “dichiarazione sostitutiva” resa ai sensi del DPR 28.12.2000, n° 445 nella quale il candidato avrà cura di riportare in dettaglio tutti i requisiti posseduti alla data di compilazione e previsti per l'ammissione all'esame.

Allegato: Domanda di ammissione e la dichiarazione sostitutiva.

La domanda di ammissione dovrà essere sottoscritta dall'interessato (qualora la firma non sia stata apposta in presenza del funzionario incaricato alla ricezione, dovrà allegarsi copia fotostatica non autenticata di un valido documento di identità del richiedente) ed inoltrata direttamente alla Direzione Marittima ove il candidato intende essere esaminato (si possono presentare le domande in più Direzioni Marittime, aumentando di fatto le chance di promozione).

La domanda di ammissione si considererà prodotta in tempo utile anche se spedita a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento entro il termine sopra indicato. A tal fine farà fede il timbro e la data dell'Ufficio postale accettante.

Nella domanda il candidato dovrà chiaramente indicare le complete generalità, l'esatto recapito con l'indicazione del CAP, l'eventuale recapito telefonico, il numero di matricola mercantile ed il Compartimento Marittimo di iscrizione, nonché l'esame cui il candidato intenda essere ammesso ed ogni altra notizia ed eventuale richiesta utile all'ammissione. E' facoltà del candidato esibire, in luogo della dichiarazione sostitutiva, i documenti di cui al successivo punto.


Da allegare alla domanda di ammissione
Alla domanda di cui al precedente punto i candidati dovranno allegare:

Bolletta, in originale, rilasciata da una Dogana, dietro presentazione del prescritto Ordine d’Introito mod. 23 da richiedersi presso una qualsiasi Capitaneria di Porto, attestante il pagamento della tassa di esame di:

  Professionale Marittimo Professionale del Diporto
€ 1,94 Aspirante CLC Aspirante Cap. di Macchina Uff. di Navigazione Uff. di Macchina
€ 2,58 Capitano LC Cap. di Macchina Cap. del Diporto Cap. di Macchina

L’originale della bolletta rilasciata dalla Dogana deve essere preventivamente registrata presso l’Autorità Marittima che ha rilasciato il sopraindicato Ordine d’Introito mod. 23.

Qualora il candidato decidesse di non avvalersi della dichiarazione contestuale alla domanda, dovrà allegare i sotto indicati documenti:

  • Estratto della matricola mercantile, in bollo da €. 14,62 comprovante il possesso dei requisiti necessari per l'ammissione all'esame richiesto;
  • Estratto matricola militare o dichiarazione del Comando di bordo delle unità sulle quali il candidato è stato imbarcato attestanti la qualifica rivestita e i periodi di imbarco effettuati (solo se il candidato abbia interesse a far valere la navigazione acquisita durante il servizio militare);
  • Certificato rilasciato dall’Istituto Tecnico Nautico di provenienza o fotocopia autenticata del diploma, dal quale risulti l'anno di conseguimento del diploma stesso, per coloro che chiedono di essere esaminati in base ai programmi di cui al D.M. 30 Luglio 1971, come precisato al successivo punto.
  • La frequenza dei corsi di cui all'art. 5) comma d, del DM 10/5/2005, n. 121 per i titoli del Diporto. L'ammissione agli esami è consentita anche per coloro che non hanno frequentato/conseguito i corsi IMO BASIC (Antincendio, Sopravvivenza e salvataggio, Sicurezza Personale e Responsabilità Sociali (PSSR), MAMS, GMDSS, Radar e Primo Soccorso Elementare, come precisato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Divisione 6^ con il foglio n° 0722 in data 7 marzo 2006.

Ammissione con riserva
Potranno essere ammessi agli esami con riserva , purché ne facciano istanza anche contestualmente alla domanda di esame,
ai sensi della Circolare Titolo “Gente di Mare” serie X n° 99 i candidati cui manchino:

Tirocinio di navigazione:

• tolleranza fino a 6 mesi su 48 richiesti; la tolleranza può riferirsi sia al periodo di navigazione oltre gli stretti per gli aspiranti al titolo di Capitano di Lungo Corso o al periodo di navigazione su motonavi e piroscafi per gli aspiranti al titolo di Capitano di Macchina;
• tolleranza fino a 4 mesi su 36 richiesti;
• tolleranza fino a 2 mesi su 30 richiesti;
• tolleranza fino a 1 mese su 18 richiesti;
• tolleranza fino a 1 mese su 12 richiesti.
N.B. Per tolleranza si intende che se sono richiesti 48 mesi per conseguire il dato titolo, a coloro che ne possiedono 42 è data facoltà di partecipare all’esame con 6 mesi di tolleranza. Naturalmente il titolo verrà rilasciato solamente al completamento del periodo totale previsto (42+6= 48).

Frequenza Corsi di specializzazione:

• anticipo degli esami ma conferimento del titolo dopo il conseguimento del requisito;

Limite minimo d’età:
• anticipo degli esami ma conferimento del titolo dopo il raggiungimento dell’età prescritta;

Navigazione effettuata ma non comprovata:
• ammissione agli esami ma conferimento del titolo subordinatamente alla presentazione della documentazione relativa alla navigazione compiuta.

Resta inteso che il relativo titolo professionale potrà essere conferito soltanto al raggiungimento del possesso di tutti i requisiti previsti dalle norme vigenti.


Diploma di scuola di II grado
Per quanto riguarda il Diploma di scuola di II grado, la Direzione Marittima ha inoltrato richiesta ufficiale agli organi competenti (Ministero e Comando Generale CP) per il riconoscimento o meno dei requisiti di istruzione al personale in possesso di un titolo professionale. Si ricorda che nella Circolare n° 3/2100, di applicazione controversa, viene esplicitamente negata la necessità del Diploma ai possessori del titolo di Conduttore.

A molti marittimi con titolo professionale di Conduttore sprovvisti di Diploma di scuola di II grado consiglio di inoltrare comunque l'istanza di ammissione con riserva con Raccomandata con ricevuta di ritorno. Qualora la Direzione Marittima respinga la domanda per mancanza requisito del Diploma, bisogna replicare con ulteriore Raccomandata facendo riferimento alla Circolare n° 3/2100 del 4 novembre 2005. Vedi Esempio in allegato.

Programmi e prove d'esame
Gli esami consisteranno in una prova orale e pratica di durata non inferiore a sessanta minuti, secondo i programmi di cui al DM 01/08/1986 (GU n. 219 del 20 settembre 1986). Coloro che hanno conseguito il diploma d'Istituto Tecnico Nautico anteriormente all'anno scolastico 1984/85 potranno a loro richiesta sottoscritta sull’istanza di cui al punto 2 essere esaminati in base ai programmi di cui al DM 30/07/1971 (GU n. 215 del 26 agosto 1971).

Gli esami per il conseguimento dei titoli professionali marittimi da parte di candidati Ufficiali di Vascello provenienti dal servizio permanente ed iscritti nei ruoli della Marina Militare, verteranno sul programma di esame approvato con DM 12/10/1956 (GU n. 276 del 31 ottobre 1956).

I programmi d’esame per Ufficiale di Navigazione per il Diporto e Comandante del Diporto saranno gli stessi previsti nel DM 1 agosto 1986 rispettivamente per gli Aspiranti ed i Capitani di Lungo Corso così come quelli per Ufficiale di Macchina e Capitano di Macchina per il Diporto saranno quelli previsti rispettivamente nello stesso DM per gli Aspiranti e Capitani di Macchina ai sensi della Circolare Ministeriale D.G. Navigazione e trasporto Marittimo ed Interno Prot. n°6/N3/2100 del 4 novembre 2005.

Istanza per il conferimento del titolo
I candidati che avranno superato con esito favorevole l’esame e siano in possesso di tutti i requisiti previsti dovranno, ai fini del conferimento del relativo titolo professionale avanzare apposita istanza redatta in carta legale da € 14,62, direttamente al proprio Compartimento di iscrizione per i titoli Ufficiale per il Diporto e Ufficiale di Macchina del Diporto o alla competente Direzione Marittima, per il tramite del proprio Compartimento Marittimo di, Capitano del Diporto e Capitano di Macchina del Diporto.

Note finali e suggerimenti
Per coloro che hanno 42 mesi minimo di imbarco è consigliabile utilizzare i titoli professionali Mercantili (Marinaio Autorizzato, Padrone Marittimo, ACLC), in quanto consentono di conseguire i successivi titoli automaticamente o quasi.

Per coloro che stanno pensando di conseguire la Patente Nautica per Navi da Diporto, si ricorda che tale abilitazione rimane valida solo per le unità armatoriali, ma non consente alcuna agevolazione per la carriera Professionale.

Consiglio ai candidati di approfondire la preparazione in vista degli esami, sulla normativa MARPOL (conoscenza del protocollo) e SOLAS per quanto attiene la sicurezza e l'inquinamento.

Scadenzario

  • Entro il 3 aprile p.v. scadono i termini della Direzione Marittima di TRIESTE (bando pubblicato);
  • Entro fine aprile p.v. scadono i termini della Direzione Marittima di BARI (controllare emissione bando);
  • Entro fine giugno p.v. scadono i termini della Direzione Marittima di CAGLIARI (controllare emissione bando);
  • Entro fine Luglio p.v. scadono i termini della Direzione Marittima di GENOVA (controllare emissione bando);
  • Entro fine Agosto p.v. scadono i termini della Direzione Marittima di NAPOLI (controllare emissione bando);
  • Entro fine Settembre p.v. scadono i termini della Direzione Marittima di PALERMO (controllare emissione bando);
  • Entro fine Settembre p.v. scadono i termini della Direzione Marittima di VENEZIA (controllare emissione bando).
Torna all'indice delle linee guida
Adv on Yachts
Advertising su Yachts.it
La tua pubblicità fuori dai luoghi comuni




  Professione
  1. Linee guida per i marittimi del Diporto
    • Vademecum e consigli per i nuovi titoli a cura del Comandante Martucci (aprile 2006)
  2. Titolo di Conduttore: valido all'estero
    • Circolare del Ministero, 4 aprile 2006
  3. Un primo risultato per i marittimi
    • ammissione con riserva all'esame UD per chi non ha i corsi in regola
  4. Istanza AMADI e Yachts.it sulla Circolare 8.02.06
  5. Nuova circolare sui titoli professionali - 8.02.06
    • Nella nuova circolare ritornerebbe l'obbligo di avere almeno 9 mesi a libretto per poter superare il corso MAMS! Speriamo non sia vero.
  6. Circolare applicativa per i nuovi titoli - 4.11.05
    • Applicazione del DM 10 maggio 2005 n. 121
    • Libretto Allievi Ufficiali di Navigazione del diporto
    • Libretto Allievi Ufficiali di Macchina del diporto
    • Norme di compilazione certificati di abilitazione
  7. I nuovi titoli per la Nautica da Diporto
    • Decreto Legislativo 10 maggio 2005, n.121
Sondaggio AMADI-Yachts.it sui nuovi titoli
I nuovi titoli: aggiornamenti
I nuovi titoli: interventi, commenti, pareri
I nuovi titoli: domande
Domande

La patente Navi e il Comando di unità da Noleggio
    domande e risposte a cura del Comandante Nicotra
    il dibattito prosegue
    Interventi e osservazioni dei Comandanti


Indice articoli Torna all'indice delle Rubriche
 
 
 
Yachts.it ©2000-2017 Comunicazione Tre Srl - P.IVA 10973441008
Corsia Agonale, 10 - 00186 ROMA
Le barche il mare i charter le crociere e i Marinai in Italia.
Portale dedicato alla nautica italiana. Charter nautico, noleggio e locazione imbarcazioni,
Acquisto e vendita imbarcazioni usate. Normative e legislazione nautica.
Marittimi ed equipaggi per il Diporto nautico e personale di bordo.
ricerca un Comandante, Marinaio, Skipper, Hostess, Steward, Cuoco

Diretto da Michele Costabile