CORSO PER ASPIRANTE MEDIATORE MARITTIMO
 
   Le rubriche di Yachts.it - Professione
 
Google
 
Home
info e privacy
Ricerche charter
 per area
 per porto
 per periodo
 individuali
 operatori
 skipper-armatori
 last-minute
 promozioni
Offerte usato
 le barche
 gli operatori
 le promozioni
Multiproprieta
 operatori
Scuole ed altro
 crociere a tema
 operatori
 notiziari
 tecnica
Gente di Mare
 ricerca personale
 di bordo

 offerte di lavoro
 formazione
Rubriche
 leggi e normative
 professione
 burocrazia
 tecnica
 scrivi a Yachts.it
Le Rotte
Racconti
Registrazione
Login utenti

Privacy Policy
Professione

I nuovi titoli per la Nautica da Diporto
Intervento di Mario Cudia


Indice  Indice

8 marzo 2006

Gentile redazione, vi scrivo a proposito dei titoli professionali, che trovo inadeguati, assurdi e di forte ostacolo al settore e allo sviluppo del lavoro che esso genera. A mio avviso l'errore principale sta nell'accumunare il diporto con la marina mercantile, e di conseguenza operatori con iter formativi diversi e non assimilabili. Il vostro sondaggio e' lodevole, ma anche voi date spazio a chi ha titoli professionali, piu' o meno validi, a chi appartiene alla gente di mare ecc...
Vorrei ricordarvi che in Italia vi sono oltre 600 societa' di charter, e che la stragrande maggioranza possiede barche di piccole e medie dimensioni, questi societa' rappresentano gli operatori del settore, ma quanti fra i titolari o i loro collaboratori e' in possesso dei titoli professionali?
E chi deve allora condurre tutte queste barche? Non si fara' piu' il noleggio, ma solo la locazione? E il cliente che vuole lo skipper?
Gli mandiamo un "professionista" che ha navigato tutta la vita su un cargo a 30 metri dal mare e non sa cosa vuol dire strambare, chiedendo al cliente minimo 300 euro al giorno?
Questa e' la realta' di chi deve lavorare col turismo nautico in Italia. Visto che il settore e' uno dei pochi che in Italia registra una crescita, senza aiuti del governo, senza ne morti ne feriti ne traffici finanziari e illegalità, date voce anche a loro.
Inoltre ,visto che siamo in Europa, vorrei sapere come si comportano gli altri stati a riguardo.
Grazie e buon lavoro.

Mario Cudia


Caro Mario,
le leggi purtroppo non le fanno le persone di buon senso.
Se un giorno però ciò dovesse avvenire e se quel giorno il legislatore mi chiamasse a dare dei cosigli io direi:
vogliamo davvero riordinare questo settore? Allora:
1. creiamo dei titoli professionali che non siano impossibili da raggiungere e diano davvero certezza anche ai "consumatori";
2. diamo tempo a chi voglia mettersi in ordine ed uscire dal lavoro nero;
3. ovviamente a questo punto perseguiamo il lavoro nero con fermezza e puniamo severamente tutti gli abusi;
4. togliamoci dalla testa che i titoli mercantili siano equipollenti ai titoli per il charter che è un'altra cosa;
5. diamo la sua dignità all'arte velica: un comandante di navi può non capire niente di manovre a vela...

Oggi la legge invece è stata fatta e purtroppo il legislatore non mi ha chiamato prima. Ha fatto una legge fatta male, malissimo ma con un buon proposito contro il quale non si può insorgere: dare una professionalità a chi lavora nel settore da tanti anni e proporne una dignitosa per le generazioni che verranno è una cosa assolutamente condivisibile. Chi potrebbe non essere d'accordo? Ovviamente non si può proporre che per lavorare nel charter basti la patente nautica... Il legislatore "avrebbe" anche previsto che chi dimostra di aver navigato per 3 anni ed abbia i corsi in regola possa accedere ad un esame per diventare professionista... Ma che bella cosa! E chi potrebbe non essere d'accordo? Tutti sappiamo che chi lavora in nero fa concorenza sleale a chi dichiara le sue entrate e paga i contributi e chi se la sente di difendere un atteggiamento che danneggia un'intera categoria di lavoratori? Impossibile. Ciò che possiamo fare ora è di cercare di rendere la legge "praticabile" per chi possa dimostrare di essere davvero un marittimo del charter e poi si dovrebbero PENSARE gli esami (quelli di aspirante capitano sono una patacca) e i corsi professionali (quelli previsti sono inutili nel diporto) e tante altre cose ancora... Ma ci tocca lavorare dall'interno della legge, non più dall'esterno.

Dagli altri stati europei non c'è molto a imparare: gli inglesi, che noi amiamo molto, i titoli se li vendono, non è che abbiano tutto questo valore, tutti li preferiscono solo perché, senza i contributi, uno "Yacht Master" costa meno di un titolato italiano.

Quel che si può fare e che facciamo è dire: "onesto proposito, siamo daccordo con voi, ma mal fatta la legge. Guardate quanta gente che pure ha il titolo di conduttore ed ha mesi di navigazione si trova nei pasticci per questa legge sbagliata! Modificate la legge perché i Marittimi possano accedere ai nuovi titoli."
E qui sta il "distinguo" possiamo difendere i Marittimi, non i "civili". Chi non si è mai iscritto alla Gente di Mare, chi non ha mai fatto un corso professionale, chi non ha neppure il titolaccio di Conduttore... come lo difendi? E' un medico? Un ingegnere? Un impiegato delle poste? Non ha mai fatto parte della Marineria, come fai a dire che occorre aiutarlo per dargli il titolo che gli consentirà di comandare una barca da charter?

Ho pubblicato per quattro anni notizie sull'imminente necessità di avere i titoli in regola, i corsi professionali, l'iscrizione alla Gente di Mare. Lo sapevo anche io, che ormai da cinque anni vivo dietro ad un computer e non navigo più. Nel sondaggio abbiamo inserito tutti i possibili titoli marittimi, partendo dal più basso, quello di Conduttore che davano gratis in cambio di un paio di marche da bollo a chi si scomodava ad andarglielo a chiedere: ne ho uno anche io, lo presi perché rilasciavo fatture: trasferimenti, skipperaggi, noleggi... ma non abbiamo inserito la voce "Nessun titolo marittimo posseduto". A chi vuoi che interessi il parere di un medico, di un ingegnere, di un parrucchiere? Come fai a proporre il parere di non marittimi alla attenzione del legislatore?
Come fai a pensare di recepire le opinioni di... mia zia di settan'anni...?

Spero che tu sia daccordo,
mic



Adv on Yachts
Advertising su Yachts.it
La tua pubblicità fuori dai luoghi comuni




  Professione
  1. Linee guida per i marittimi del Diporto
    • Vademecum e consigli per i nuovi titoli a cura del Comandante Martucci (aprile 2006)
  2. Titolo di Conduttore: valido all'estero
    • Circolare del Ministero, 4 aprile 2006
  3. Un primo risultato per i marittimi
    • ammissione con riserva all'esame UD per chi non ha i corsi in regola
  4. Istanza AMADI e Yachts.it sulla Circolare 8.02.06
  5. Nuova circolare sui titoli professionali - 8.02.06
    • Nella nuova circolare ritornerebbe l'obbligo di avere almeno 9 mesi a libretto per poter superare il corso MAMS! Speriamo non sia vero.
  6. Circolare applicativa per i nuovi titoli - 4.11.05
    • Applicazione del DM 10 maggio 2005 n. 121
    • Libretto Allievi Ufficiali di Navigazione del diporto
    • Libretto Allievi Ufficiali di Macchina del diporto
    • Norme di compilazione certificati di abilitazione
  7. I nuovi titoli per la Nautica da Diporto
    • Decreto Legislativo 10 maggio 2005, n.121
Sondaggio AMADI-Yachts.it sui nuovi titoli
I nuovi titoli: aggiornamenti
I nuovi titoli: interventi, commenti, pareri
I nuovi titoli: domande
Domande

La patente Navi e il Comando di unità da Noleggio
    domande e risposte a cura del Comandante Nicotra
    il dibattito prosegue
    Interventi e osservazioni dei Comandanti


Indice articoli Torna all'indice delle Rubriche
 
 
 
Yachts.it ©2000-2017 Comunicazione Tre Srl - P.IVA 10973441008
Corsia Agonale, 10 - 00186 ROMA
Le barche il mare i charter le crociere e i Marinai in Italia.
Portale dedicato alla nautica italiana. Charter nautico, noleggio e locazione imbarcazioni,
Acquisto e vendita imbarcazioni usate. Normative e legislazione nautica.
Marittimi ed equipaggi per il Diporto nautico e personale di bordo.
ricerca un Comandante, Marinaio, Skipper, Hostess, Steward, Cuoco

Diretto da Michele Costabile