CORSO PER ASPIRANTE MEDIATORE MARITTIMO
 
   Le rubriche di Yachts.it - Burocrazia
 
Google
 
Home
info e privacy
Ricerche charter
 per area
 per porto
 per periodo
 individuali
 operatori
 skipper-armatori
 last-minute
 promozioni
Offerte usato
 le barche
 gli operatori
 le promozioni
Multiproprieta
 operatori
Scuole ed altro
 crociere a tema
 operatori
 notiziari
 tecnica
Gente di Mare
 ricerca personale
 di bordo

 offerte di lavoro
 formazione
Rubriche
 leggi e normative
 professione
 burocrazia
 tecnica
 scrivi a Yachts.it
Le Rotte
Racconti
Registrazione
Login utenti

Privacy Policy
Vedi Scheda
Tassa per stazionamento in Francia
imbarcazione battente bandiera francese

Indice  Indice
La domanda

10 febbraio 2006

Che tu sappia le imbarcazioni che battono bandiera Francese hanno l'obbligo di pagare una tassa di stazionamento in Francia? (La mia barca è un Jeanneau 34,2).
Ti faccio questa domanda perchè il leasing ogni anno mi chiede il versamento di 400,00 euro ca, ma da alcuni anni non mi invia più il bollettino di pagamento della suddetta, trovandomi ogni anno una scusa diversa per non darmi tale ricevuta, cosa che anni addietro faceva regolarmente.
Grazie

Saluti
Lettera firmata


Risponde Andrea Faccon, consulente legale di Yachts.it

Caro Lettore,
rispondo al Tuo cortese quesito relativo alla tassa di stazionamento francese.

Prima di esaminare la tematica è, a mio avviso, opportuno fare un pò di chiarezza terminologica.
Nel nostro ordinamento, invero, la tassa di stazionamento indica un'imposizione di natura tributaria posta a carico delle imbarcazioni da diporto (oggi peraltro abrogata dalla legge 8.7.2003 n. 172).

In Francia, si incontrano due corrispettivi assai diversi:

  • "Tarif de stationnement", che è applicata dagli enti gestori dei marina (les ports de plaisance), equivalente al canone della locazione di un posto barca (sul punto v. amplius infra): si tratta di un corrispettivo per la concessione in godimento di un bene (specchio d'acqua, suolo per il rimessaggio);
  • "Droit de francisation et navigation", che equivale alla nostra tassa di stazionamento: si tratta di un corrispettivo di diritto pubblico, nel senso di prestazione imposta da un ente pubblico (v. per il significato nel nostro ordinamento art. 23 e 53 Cost).

Le due prestazioni sono diversissime per natura (remunerazione delle prestazione di un bene, in un caso, e prestazione coattivamente imposta, nell'altro) le finalità (soddisfazione di un interesse privatistico e patrimoniale, in un caso, soddisfazione di un interesse pubblicistico e generale, nell'altro) ed ente impositore (titolare del marina, in un caso, ente pubblico impositore, in un altro) e fonte (contratto di ormeggio e locazione, in un caso, legge tributaria, in un altro).

Il Droit de francisation et navigation è, come osservavo, una vera e propria tassa (taxe) e, secondo quanto mi risulta (v. sito ufficiale www.douane.guov.fr), è tutt'oggi in vigore nello Stato francese.

Faccio presente, al riguardo, che dal 1 gennaio 2006 sono in vigore nuove tariffe che regolano l'intricata materia della fiscalità del naviglio da diporto e in particolare della tassa in esame ("fiscalité des navires de plaisance et en particulier, relativement aux DROITS de FRANCISATION et de NAVIGATION.").

Venendo alla concreta disamina del tributo, la materia è regolata dal Code de Douane (codice delle dogane) e, in particolare, dal paragrafo 4, articoli 223 a 225 del ridetto codice.

Soggetto passivo è il proprietario; oggetto può essere solo l'unità battente bandiera francese; il periodo d'imposta è annuale.

L'art. 223 prevede che " Les navires francisés sont soumis au paiement d'un droit annuel, dénommé droit de francisation et de navigation, à la charge des propriétaires, au 1er janvier del'année considerée.".

Il comma 2 individua il presupposto, il tasso e le modalità di applicazione:

"L'assiette, le taux et les modalités d'application de ce droit sont fixés comme suit:
Tonnage brut du navire ou longueur de coque, quotité du droit:
I. - Navires de commerce.
De tout tonnage : exonération.
II. - Navires de pêche.
De tout tonnage: exonération.

Per la commisurazione della tassa sul naviglio da diporto si distingue:

  • Droit sur la coque (sullo scafo, letteralmente), la tassa applicabile sullo scafo;
  • Droit sur le moteur (sul motore), la tassa applicabile sul motore.
I due importi si sommano in caso di coesistenza.

III. - Navires de plaisance ou de sport.

  • Droit sur la coque.
    De moins de 7 mètres, exonération.
    De 7 mètres inclus à 8 mètres exclus, 92 euros.
    De 8 mètres inclus à 9 mètres exclus, 131 euros.
    De 9 mètres inclus à 10 mètres exclus, 223 euros.
    De 10 mètres inclus à 12 mètres exclus, 342 euros.
    De 12 mètres inclus à 15 mètres exclus, 573 euros.
    De 15 mètres et plus, 1108 euros.
  • Droit sur le moteur des navires de 7 mètres et plus (puissance administrative) :
    Jusqu'à 5 CV inclusivement, exonération.
    De 6 à 8 CV, 10 euros par CV au-dessus du cinquième.
    De 9 à 10 CV, 12 euros par CV au-dessus du cinquième.
    De 11 à 20 CV, 25 euros par CV au-dessus du cinquième.
    De 21 à 25 CV, 28 euros par CV au-dessus du cinquième.
    De 26 à 50 CV, 31 euros par CV au-dessus du cinquième.
    De 51 à 99 CV, 35 euros par CV au-dessus du cinquième.
  • Taxe spéciale :
    Pour les moteurs ayant une puissance administrative égale ou supérieure à 100 CV, le droit prévu au b est remplacé par une taxe spéciale de 45,28 euros par CV.".

L'art. 224 individua al comma 1 la destinazione del gettito fiscale (parte alla collettività Corse, parte maggioritaria (70%)all'Ente per la tutela del litorale e dei laghi e parte minoritaria allo Stato francese (20%): "1. A l'exception du produit afférent aux navires de plaisance mentionnés au dernier alinéa de l'article 223, perçu au profit de la collectivité territoriale de Corse, le montant du produit du droit de francisation et de navigation est affecté à concurrence de 80% au Conservatoire de l'espace littoral et des rivages lacustres et à concurrence de 20 % au budget général de l'Etat. L'Etat perçoit sur le produit du droit de francisation et de navigation perçu au profit de la collectivité territoriale de Corse un prélèvement pour frais d'assiette et de recouvrement égal à 2,5 % du montant dudit produit. Ce prélèvement est affecté au budget général."

Il comma 1 prevede che la riscossione avviene su base annuale:
"Il est recouvré par année civile."
In caso di ritardo nel versamento è applicata automaticamente una maggiorazione del 10%:
"En cas de retard dans le versement du droit de francisation et de navigation par rapport aux dates limites fixées par décret, une majoration de 10 % du montant de ce droit est automatiquement appliquée. Cette majoration n'est mise en recouvrement que lorsque son montant excède 8 euros. 2. Lorsque les navires de commerce ou de pêche sont désarmés pendant une période qui recouvre en totalité une année civile, le droit annuel de francisation et de navigation n'est pas dû au titre de ladite année.".

Il comma 3 esonera dalla tassa le imbarcazioni appartenenti a scuole di sports nautici che dipendono da associazioni accreditate presso il Ministero della gioventù e degli sports:
"3. Sont exonérées du droit de francisation et de navigation les embarcations appartenant à des écoles de sports nautiques qui relèvent d'associations agréées par le ministère de la jeunesse et des sports.".

E' previsto al comma 4 un abbattimento progressivo dell'imposizione in considerazione della vetustà dell'unità.
Anche a tale riguardo vale la distinzione del tasso tra droit sur la coque e droit sur le moteur.

Esiste inoltre una sorta di franchigia se il capitale riscuotibile a tale titolo è inferiore a 76 euro (è quindi possibile che un'unità vetusta non paghi la tassa):
"4. Les taux du droit sur la coque et du droit sur le moteur prévus au III de l'article 223 ci-dessus font l'objet, pour les navires de plaisance ou de sport, d'un abattement pour vétusté égal à:

  • 25 % pour les bateaux de 10 à 20 ans,
  • 50 % pour les bateaux de 20 à 25 ans,
  • 75 % pour le bateaux de plus de 25 ans.

5. Le droit de francisation et de navigation n'est pas perçu lorsque son montant, calculé par navire, est inférieur à 76 euros."

L'art. 225 del codice delle dogane prevede inoltre che la tassa è equiparata ad una qualsiasi imposizione doganale, con la conseguenza che le relative infrazioni sono contestate e punite, le riscossioni effettuate e le istanze istruite e decise in conformità della materia doganale:
"Le droit de francisation et de navigation est perçu comme en matière de douane ; les infractions sont constatées et punies, les poursuites sont effectuées et les instances sont instruites et jugées comme en matière de douane.".

L'art. 226 prevede che le disposizioni relative alla tassa sono applicabili anche nei porti Corsi, nei porti dei dipartimenti d'outre mer (Martinica, Antille Francesi, per esempio) e nei porti fluviali aperti al traffico del naviglio marittimo:
"Les dispositions relatives au droit de francisation et de navigation sont applicables dans les ports de la Corse, dans les ports des départements d'outre-mer et dans les ports fluviaux ouverts au trafic par bâtiments de mer."

****

Come sopra osservato, distinto dal droit de francisation et navigation, perché non qualificabile come tassa ma corrispettivo di diritto privato, è la tarif de stationnement (che noi tradurremmo letteralmente come tariffa di stazionamento), e non è altro che il corrispettivo del contratto di ormeggio o locazione di posti barca.
A quanto mi risulta, si tratta di una tariffa estremamente variabile lungo le coste francesi, in quanto alcuni porti dipendono in Francia direttamente dagli enti locali (la municipalité), dalle Autorità governative (CCI), altri ancora da società private o miste.
Ciascun ente fissa il prezzo in modo sostanzialmente libero, perché non esiste, a quanto mi consta, un insieme di criteri rigidi e vincolanti fissati dalla legge statuale.
Ai fini della quantificazione, vengono tenuti in considerazione, a seconda dei casi e dei luoghi, numerosi criteri:

  • il livello di attrezzature e servizi offerti dal marina;
  • il costo di funzionamento del porto, il numero degli spazi disponibili e le domande di posti barca;
  • le facilitazioni all'accesso ai servizi ed alle infrastrutture come strade, aeroporti e ferrovie;
  • il costo di costruzione iniziale del marina e il piano di rimborso, il costo degli immobili della zona.

Non esiste una tariffa unica per tutta la Francia modulata solo in funzione della lunghezza dell'imbarcazione.
Le informazioni più aggiornate sono contenute nel "livre de bord" che dà le tariffe di ciascuna zona.
Di seguito allego un esempio tratto dal sito di un marina francese.

Sperando di averTi offerto utili chiarimenti Ti porgo cordiali saluti.
Andrea Faccon
andreafaccon@libero.it

Adv on Yachts
Advertising su Yachts.it
La tua pubblicità fuori dai luoghi comuni




  Burocrazia

Ticket per ormeggiare in Sardegna!
Pagamenti tra i 1.000 e i 15.000 euro a barca per la stagione 2006

Interventi
Domande

Indice articoli Torna all'indice delle Rubriche
 
 
 
Yachts.it ©2000-2017 Comunicazione Tre Srl - P.IVA 10973441008
Corsia Agonale, 10 - 00186 ROMA
Le barche il mare i charter le crociere e i Marinai in Italia.
Portale dedicato alla nautica italiana. Charter nautico, noleggio e locazione imbarcazioni,
Acquisto e vendita imbarcazioni usate. Normative e legislazione nautica.
Marittimi ed equipaggi per il Diporto nautico e personale di bordo.
ricerca un Comandante, Marinaio, Skipper, Hostess, Steward, Cuoco

Diretto da Michele Costabile