CORSO PER ASPIRANTE MEDIATORE MARITTIMO
 
   Le rubriche di Yachts.it - Leggi - L'Avvocato risponde
 
Google
 
Home
info e privacy
Ricerche charter
 per area
 per porto
 per periodo
 individuali
 operatori
 skipper-armatori
 last-minute
 promozioni
Offerte usato
 le barche
 gli operatori
 le promozioni
Multiproprieta
 operatori
Scuole ed altro
 crociere a tema
 operatori
 notiziari
 tecnica
Gente di Mare
 ricerca personale
 di bordo

 offerte di lavoro
 formazione
Rubriche
 leggi e normative
 professione
 burocrazia
 tecnica
 scrivi a Yachts.it
Le Rotte
Racconti
Registrazione
Login utenti

Privacy Policy

Vedi Scheda
L'Avvocato risponde
Normativa sulle house-boats.
Risponde Andrea Faccon

La domanda

Gent.ma Redazione,
desidererei sapere se esistono normative che regolano l'utilizzo di
un house-boat in acque interne:

  1. cosa devo fare, a chi devo rivolgermi;
  2. se un house-boat e' considerato un natante a tutti gli effetti;
  3. quali eventuali documenti occorrono;
  4. se per acque interne intendo anche LAGHI;
  5. se esiste un sito italiano dove reperire eventuali informazioni.

Per quanto ne so neanche la Capitaneria di Porto sa dell'esistenza di normative... per loro potrebbe essere considerato un natante e come tale essere classificato... tutto cio' detto in maniera molto sommaria ed imprecisa.
Grazie dell'eventuale risposta e cordiali saluti
Lettera firmata


Risponde Andrea Faccon, consulente legale di Yachts.it

Gentile Lettore,
rispondo alla Sua cortese richiesta di sapere se esistono normative che regolano l'utilizzo di un house-boats in acque interne e, in particolare,:

  1. gli adempimenti burocratici e l'autorità competente;
  2. se l'house-boat è considerato un natante a tutti gli effetti;
  3. eventuali documenti occorrenti;
  4. se esiste un sito italiano dove reperire eventuali informazioni.

a) L'house-boat (in italiano la barca-casa) è un mezzo galleggiante, con propulsione a motore, impiegato per diverse finalità (principalmente diportistiche - legate al turismo nautico in acque interne - ma anche, in alcuni paesi del nord europa e nord america, residenziali) che consente la permanenza confortevole a bordo, con il soddisfacimento delle normali esigenze di vita, di un gruppo (più o meno ampio) di persone. Nella legislazione italiana, un mezzo galleggiante di questo tipo è classificabile, ove utilizzato per la navigazione per finalità da diporto (e non esclusivamente per finalità latu sensu residenziali), quale unità da diporto.
Il Decreto Legislativo 18 luglio 2005 n. 171 (di seguito solo C.N.D.), che ha approvato il codice della nautica da diporto, nell'ambito di un complessivo riordino della materia, ha, infatti, definito unità da diporto "ogni costruzione di qualunque tipo e con qualunque mezzo di propulsione destinata alla navigazione da diporto;".
L'art. 3, comma 1 ha inoltre definito:
"b) nave da diporto: si intende ogni unità con scafo di lunghezza superiore a ventiquattro metri, misurata secondo le norme armonizzate EN/ISO/DIS 8666 per la misurazione dei natanti e delle imbarcazioni da diporto;
c) imbarcazione da diporto: si intende ogni unità con scafo di lunghezza superiore a dieci metri e fino a ventiquattro metri, misurata secondo le norme armonizzate di cui alla lettera b);
d) natante da diporto: si intende ogni unità da diporto a remi, o con scafo di lunghezza pari o inferiore a dieci metri, misurata secondo le norme armonizzate di cui alla lettera b).".

Ne discende, a mio avviso, che l'house-boat è qualificabile natante, imbarcazione ovvero nave da diporto, a seconda della lunghezza dello scafo misurata in conformità delle norme armonizzate EN/ISO/DIS 8666.

b) La normativa che regola l'utilizzo ai fini di navigazione da diporto di un house-boat è desumibile dal codice da diporto.
Non mi consta l'emanazione di una normativa speciale dedicata a questi mezzi galleggianti.
Gli adempimenti burocratici, i documenti ed i titoli abilitativi per la condotta ed il comando di queste unità sono quelli stessi richiesti dal codice del diporto e dalla normativa correlata, per le unità da diporto impiegate in acque marittime e in acque interne.
Comunemente, si ritiene che ai fini della condotta di house-boats non sia necessaria la patente nautica (non mi consta, tuttavia, una norma che deroghi all'obbligo di patente nautica per gli house-boats; ai fini della navigazione in acque interne - nei laghi, fiumi, canali navigabili e altre acque interne - la patente nautica entro le dodici miglia è necessaria: si v. l'art. 39, co. 1, lett. b), "(...) quando a bordo dell'unità sia installato un motore avente una cilindrata superiore a 750 cc se a carburazione a due tempi, o a 1.000 cc se a carburazione a quattro tempi fuori bordo o se a iniezione diretta, o a 1.300 cc se a carburazione a quattro tempi entro bordo, o a 2.000 cc se a ciclo diesel, comunque con potenza superiore a 30 kw o a 40,8 cv.").

Per altri profili dell'utilizzo del mezzo nautico, non è da escludere che, in base alla zona di previsto utilizzo, esista una normativa ad hoc emanata dalll'Autorità marittima o della navigazione interna (in forma di ordinanza, regolamento, ecc.) nonché al Comune, Provincia o Carabinieri.

c) La documentazione indispensabile per l'utilizzo dell'house-boat è la stessa richiesta per il tipo di unità da diporto.
Se si intende esercitare un'attività economica relativa al noleggio o alla locazione dell'unità, è altresì necessaria l'indicazione della destinazione nella licenza di navigazione, ove necessaria in relazione alla tipologia di unità (art. 2, co. 2, C.N.D.).
Ulteriori più specifiche informazioni potranno essere acquisite presso le Autorità marittime o, per le acque interne, l'Ispettorato compartimentale della motorizzazione civile e dei trasporti in concessione.
E' necessaria altresì la copertura assicurativa: l'art. 123, rubricato "Natanti" (in realtà si occupa di tutte le unità di diporto), D. Lgs. 7 settembre 2005, n. 209, ha previsto che "1. Le unità da diporto, con esclusione delle unità non dotate di motore, non possono essere poste in navigazione in acque ad uso pubblico o su aree a queste equiparate se non siano coperte dall'assicurazione della responsabilità civile verso terzi prevista dall'articolo 2054 del codice civile, compresa quella dell'acquirente con patto di riservato dominio e quella del locatario in caso di locazione finanziaria, per danni alla persona. Il regolamento, adottato dal Ministro delle attività produttive su proposta dell'ISVAP, individua la tipologia dei natanti esclusi dall'obbligo di assicurazione e le acque equiparate a quelle di uso pubblico.
2. Sono altresì soggetti all'obbligo assicurativo i natanti di stazza lorda non superiore a venticinque tonnellate che siano muniti di motore inamovibile di potenza superiore a tre cavalli fiscali e adibiti ad uso privato, diverso dal diporto, o al servizio pubblico di trasporto di persone." (v. anche art. 41 C.N.D.).

d) Informazioni utili sull'house-boat navigante, ancorché spesso di carattere commerciale, sono reperibili sul sito www.loftviaggi.it o, per il lago maggiore, www.houseboats.it; sull'house-boat stanziale, vedasi www.houseboathotel.nl; in Francia, www.locaboat-plaisance.fr.
Sono a disposizioni per eventuali informazioni più specifiche.
La saluto e Buona navigazione!

Andrea Faccon
andreafaccon@libero.it




  Leggi e Normative
  1. Il nuovo Codice della Nautica da Diporto
    • Decreto Legislativo 18 luglio 2005, n.171
  2. Commenti ai contenuti ed alle novità
    • a cura di C-Marina Magazine
  3. Il vecchio Codice della Navigazione
    • Ora sostituito dal Decreto Legislativo 171/2005
  4. Disciplina della locazione e noleggio di unità da diporto
    • Legge 23 dicembre 1996, n. 647
  1. La Direttiva 94/25/CE per le unità da diporto
  2. Natanti: noleggio e locazione, legge n. 553 D.L. 21.10.96
  3. Locazione con Skipper di unità da diporto
    il quadro normativo del settore
  4. Imbarco su unit battenti bandiera estera
Domande

Indice articoli Torna all'indice delle Rubriche
 
Indice  Indice
 
 
Yachts.it ©2000-2017 Comunicazione Tre Srl - P.IVA 10973441008
Corsia Agonale, 10 - 00186 ROMA
Le barche il mare i charter le crociere e i Marinai in Italia.
Portale dedicato alla nautica italiana. Charter nautico, noleggio e locazione imbarcazioni,
Acquisto e vendita imbarcazioni usate. Normative e legislazione nautica.
Marittimi ed equipaggi per il Diporto nautico e personale di bordo.
ricerca un Comandante, Marinaio, Skipper, Hostess, Steward, Cuoco

Diretto da Michele Costabile